a4angle-leftangle-rightarrow-rightcalculatoracqua_potabileacqua_sanitariaaltre_applicazioniantincendioaria_compressagasindustrialeraffreddamentorefrigerazione_industrialeriscaldamentosanitariesolarecartcert-cncert-dvgwcheckchecklistclosecloud-downloaddimensiondownloadgiallogrigionerorossosecurfraboverdeemailfacebookfacilityflickrfrabo-markergas-pn5gearsgoogle-plush2oinfoinstagramlevelslinkedinlogo-frabo-bannerlogo-frabo-mainlogo-frabomarkeracciaio_carbonioacciaio_inossidabilebronzoottonerametecnopolimeromedia-playmoleculenavPDF iconPDFPDFpipeplusquestion-markraccordo-blackraccordoresize-smallscatolasending-envelopeshare-emailshare-facebookshare-google-plusshare-pinterestshare-twittersharetwitterunico-esclusivouservwindowwrenchyoutube

Frabopress Securfrabo: collaudo impianti GAS

Collaudo impianti GAS Frabopress Securfrabo

COLLAUDO IMPIANTI GAS CON POTENZIALITA’ < 35 KW

UNI 7129:2015 - Il collaudo dell’impianto interno si effettua in due fasi:

Frabopress Securfrabo: raccordi a pressare acqua e gas rame e bronzo

1. Verifica ad alta pressione

Tesa a constatare la corretta esecuzione dell’impianto e la sua idoneità meccanica.

I raccordi FRABOPRESS SECURFRABO (cod. RS)
NON devono necessariamente essere sottoposti a “Verifica ad alta pressione”

in quanto dotati di sistema denominato “Securfrabo” in grado di consentire l’individuazione di eventuali raccordi non pressati già durante la verifica di tenuta.

L’efficacia del sistema FRABOPRESS SECURFRABO è stata testata con successo secondo il capitolato di prove riportato nel foglio di lavoro DVGW G 5614.

2. Verifica di tenuta

Tesa a constatare l’assenza di dispersioni gas.

La verifica di tenuta deve essere effettuata in occasione di:

  • nuova realizzazione o rifacimenti totali di impianti interni
  • rifacimenti parziali o manutenzione straordinaria di impianti interni
  • sostituzione di apparecchi

La verifica può essere effettuata mediante strumenti aventi le caratteristiche minime riportate nella tabella 1. In ogni caso gli strumenti devono essere manutenuti in stato di efficienza e sottoposti alla manutenzione periodica come previsto dal fabbricante.

collaudo-imp-gas-verifica-tenuta-tabella1
Tabella 1

 

Impianti di nuova realizzazione o rifacimento totale.

La verifica di tenuta deve essere eseguita prima di mettere in esercizio l’impianto interno, di averlo collegato al contatore e che siano stati allacciati gli apparecchi. Se qualche parte dell’impianto non è a vista, la verifica di tenuta deve precedere la copertura delle tubazioni stesse.

La prova deve essere effettuata con le seguenti modalità:

  • a valle di ogni rubinetto di utenza ed a monte del rubinetto costituente il punto di inizio devono essere posti dei tappi a garanzia della tenuta
  • si immette nell’impianto, attraverso la presa di pressione, aria od altro gas inerte, fino a che sia raggiunta una pressione compresa tra 100 mbar e 150 mbar.
  • dopo il tempo di attesa necessario per stabilizzare la pressione (non minore 15 min), si effettua una prima lettura della pressione;
  • trascorsi 5 min dalla prima lettura, si effettua una seconda lettura:
  • il manometro deve rilevare una caduta di pressione non maggiore dei valori riportati nella tabella 2.
  • se si verificassero delle dispersioni, queste devono essere ricercate ed eliminate. Eliminate le dispersioni, si deve ripetere la verifica di tenuta dell’impianto come sopra descritto.
collaudo-imp-gas-verifica-tenuta-tabella2
Tabella 2

 

Rifacimenti parziali o interventi di manutenzione straordinaria

Fare riferimento al paragrafo 5.4 della norma UNI 7129:2015.

La sussistenza dei requisiti di tenuta deve essere verificata, oltre a quanto disposto dalle disposizioni e normative vigenti, almeno ogni 10 anni.

COLLAUDO IMPIANTI GAS CON POTENZIALITA’ > 35 KW

Fare riferimento al paragrafo 5.5 della norma UNI 11528:2014.