a4angle-leftangle-rightarrow-rightcalculatoracqua_potabileacqua_sanitariaaltre_applicazioniantincendioaria_compressagasindustrialeraffreddamentorefrigerazione_industrialeriscaldamentosanitariesolarecartcert-cncert-dvgwcheckchecklistclosecloud-downloaddimensiondownloadgiallogrigionerorossosecurfraboverdeemailfacebookfacilityflickrfrabo-markergas-pn5gearsgoogle-plush2oinfoinstagramlevelslinkedinlogo-frabo-bannerlogo-frabo-mainlogo-frabomarkeracciaio_carbonioacciaio_inossidabilebronzoottonerametecnopolimeromedia-playmoleculenavPDF iconPDFPDFpipeplusquestion-markraccordo-blackraccordoresize-smallscatolasending-envelopeshare-emailshare-facebookshare-google-plusshare-pinterestshare-twittersharetwitterunico-esclusivouservwindowworkup-stampwrenchyoutube
UNI 8723:2017

Definisce i criteri per la progettazione, l’installazione e messa in servizio degli impianti a gas per l’ospitalità professionale di comunità e similare

La commissione tecnica CIG (Comitato Italiano Gas), ha recentemente pubblicato la nuova norma UNI 8723:2017 - "Impianti a gas per l’ospitalità professionale di comunità e similare - Progettazione, installazione e messa in servizio", che ritira e sostituisce la UNI 8723:2010.

Fra le novità introdotte nella nuova norma:

  • vengono incorporati i riferimenti alla UNI 11147 - Impianti di adduzione gas per usi domestici e similari alimentati da rete di distribuzione, da bombole e serbatoi fissi di GPL, realizzati con sistemi di giunzione a raccordi a pressare per tubi metallici Progettazione, installazione e manutenzione.
  • vengono integrati i riferimenti alla UNI 11528 - Impianti a gas di portata termica maggiore di 35 kW. Progettazione, installazione e messa in servizio.
  • aggiunta di Acciaio Inossidabile corrugato e multistrato gas ai materiali utilizzabili per la realizzazione delle tubazioni che costituiscono la parte fissa degli impianti

Sempre all'interno della nuova norma viene precisato che la procedura da adottare per il collaudo dell'impianto deve essere quella prevista dalla UNI 7129-1 per gli impianti di portata termica < 35 kW; per gli impianti di portata termica >= 35 kW deve essere applicata la procedura prevista dalla UNI 11528.

In riferimento alla verifica ad alta pressione nel caso in cui il fabbricante dichiari non necessaria tale prova, il fabbricante stesso deve documentare l'utilizzo di un accorgimento tecnico specifico che permetta di individuare, già mediante la verifica di tenuta, eventuali raccordi non pressati.

Gli impianti realizzati con raccordi a pressari dotati del sistema Securfrabo non necessitano quindi di verifica ad alta pressione in quanto la particolare conformazione dell’O-Ring consente la fuoriuscita di liquido/gas laddove la giunzione non sia stata pressata. Grazie a SECURFRABO è possibile riconoscere velocemente i punti di mancata pressatura ed intervenire conseguentemente riducendo la possibilità di errore o dimenticanze che possono inficiare la tenuta dell’impianto nel tempo. 

 

Le linee di raccordi a pressare dotate di sistema di sicurezza Securfrabo

Frabopress Securfrabo

Frabopress Securfrabo
(rame e bronzo)

Frabopress 316 Securfrabo

Frabopress 316 Securfrabo
(acciaio inox 316)

Frabopress C-Steel Securfrabo

Frabopress C-Steel Securfrabo
(acciaio al carbonio)

Frabopress 316 Securfrabo M

Frabopress 316 Securfrabo - M
(acciaio inox 316)

Frabopress C-Steel Securfrabo M

Frabopress C-Steel Securfrabo - M
(acciaio al carbonio)

Frabo Chromepress

Frabo Chromepress
(rame e bronzo cromati)